domenica 25 novembre 2012

Musa's Box

L'elenco delle cose belle questa settimana arriva in anticipo di un giorno, perché domani temo sarò troppo sotto un treno col lavoro per potermi prendere anche solo un attimo di pausa.
È stata una settimana strana: piena di cose belle ma anche pervasa da uno scoglionamento che faccio risalire alla SPM. Sono contenta che:
- siamo riusciti ad andare finalmente all'IKEA, dopo mesi che dovevamo, e non prendere troppe cazzate, anzi: direi il minimo indispensabile + 3 confezioni di candele
- la lezione di danza di ieri sia stata bellissima e commovente (sì, Pedretti, mi sono sciolta così bene perché ho riconosciuto l'aria della Madama Butterfly), nonostante i fanveil non siano il mio accessorio preferito (né quello che mi riesce meglio)
- Luca sia andato al posto mio alla presentazione del nuovo libro di Nicolai Lilin e abbia fatto un po' di PR per me
- una cara amica, dopo aver letto il mio libro, stia progettando una performance e addirittura un booktrailer dedicati a Sholeh Zard. Inoltre sono contenta che la compagnia a cui si è unita di recente sia di una figaggine pazzesca
- un'altra amica ed io abbiamo formato una task force anticrisi per risollevare un po' il morale di un'amica che sta attraversando un brutto momento
- in biblioteca mi siano arrivati un sacco di libri stuzzicanti. Peccato non aver avuto più di 10 minuti per aprirli!
- Luca ed io abbiamo passato una mezza domenica insieme, tra una colazione sontuosa e tante coccole
- mi sia arrivato il pacchettino di un'amica lontana, con un sacco di prodotti meravigliosi (Giada, giuro che i tuoi te li porto stasera, cascasse il mondo)
- la visita dalla dietista sia stata un successo e una piacevole chiacchierata
- un'amica che finora ho frequentato meno di quello che vorrei si sia rivelata ancora più piacevole di quello che sospettavo
- con due amiche siamo riuscite a trovarci per fare un po' di sano bidet a un certo numero di persone
- le risate siano state più dei musi e delle urla
- Amelia abbia deciso di fare il saggio di ginnastica di Natale perché le va, senza pressioni da parte nostra. E che Ettore in altrettante libertà abbia deciso di non partecipare allo stesso saggio
- le zucche della Bioexpress si siano rivelate superiori alle mie aspettative
- siamo riusciti a trasformare in aneddoto ridicolo un acquisto a dir poco incauto (non comprate carpe, soprattutto intere e non eviscerate!)
- la moussaka comprata dal kebabbaro fosse veramente molto molto buona
- la salute di tutti abbia finora tenuto botta, nonostante raffreddamenti e tossi varie
Mai come in questo periodo sono consapevole della fortuna che ho e che temo sempre di non meritare.

10 commenti:

  1. La meriti eccome tutta questa fortuna...! Sappi che vi amo oltremodo per la task force, e non avrò mai parole sufficienti a dimostrarvelo. Ti perdono persino per esserti dimenticata di portarmi le cose mille volte in virtù della task force, ahahah! :P Confermo che la compagnia a cui si è unita Francesca è una vera figata... Anche lei se lo merita visto come è brava!!! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh dai, ho rimediato anche alla sbadataggine innata :-)

      Elimina
  2. Felice di sapere che il pacchetto sia stato gradito... in preparazione il prossimo perchè ho scordato cose per entrambe (ma cmq non ci sarebbero entrate, quindi meglio così!)

    RispondiElimina
  3. Ti ho rubato l'idea! :)
    Vediamo se una "lamentina" cronica come me riuscirà a portare avanti l'esercizio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io sono tendenzialmente così. Forse non lamentosa, ma sicuramente una sola cosa storta in una fila di cose dritte mi rovina il piacere.
      E invece questo esercizio (che ho preso da Euforilla) mi aiuta a vedere le cose nella giusta prospettiva.
      Anche quando, come oggi, sono sotto ciclo, piove, la giornata si è aperta con una serie di beghe e la notte non è stata meravigliosa per via del raffreddore.

      Elimina
  4. Risposte
    1. Già, la cheesecake era veramente buona!!!!

      Elimina
  5. anche io ho dei fanveils da prestarti, eventualmente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, ma mi auguro di non toccarli mai più per un tempo lunghissimo ;-)

      Elimina