lunedì 16 settembre 2013

Prendi un sambuco


L'incalzare dei lavori del trasloco non mi ha impedito di ritagliarmi qualche mezz'ora per raccogliere le bacche di sambuco e sperimentare la tintura su due tipi di lane: uno stoppino in pura lana bianco e un filato melange bianco e beige.


Il sambuco mi ha dato grandi soddisfazioni e diverse sorprese, come si può dedurre da questa foto:


Tutte le matasse fotografate qui sopra sono state tinte col sambuco, a eccezione di quella giallina in alto a destra, tinta con le foglie di pomodoro.


Sappiate quindi che il sambuco, mordenzato con allume di potassio, dà una gamma di colori variabile tra l'azzurro pervinca e il lilla, con diverse sfumature di verde qua e là.



Purtroppo nelle foto non si vede, ma la matassa a destra è continuamente variegata tra verde, azzurro e lilla.
Invece, il sambuco al naturale dà un viola non molto consistente, tanto che ho preferito sovratingere quelle matasse mordenzandole con l'aceto, che prevedibilmente dà un color vinaccia molto bello.



L'inaspettato viene dal bicarbonato: se aggiunto al bagno colore, non dà un azzurro come affermato dal mio manuale. Nel primo bagno dà un verde grigio molto bello, mentre nel secondo bagno vira decisamente al marroncino.



Credo che ci sarebbe ancora parecchio da sperimentare col sambuco, ma il tempo quest'anno è stato tiranno ed io penso che la mia stagione tintoria debba volgere alla fine, per lasciare il posto al lavoro a maglia. A proposito, devo proprio finire la copertina per la figlia di una mia amica...

15 commenti:

  1. Risposte
    1. E pensa che visti dal vivo sono decisamente meglio :-)

      Elimina
  2. Che meraviglia leggere questo post.
    I colori sono proprio belli, complimenti.
    Mi hai portato alla luce un bel ricordo: mia nonna ci faceva l'inchiostro per scrivere, sai?

    Buona nuova settimana
    Lena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci credo, il succo di sambuco è sporchevolissimo e ideale per fare l'inchiostro.
      Tuttavia sono rimasta delusa dal fatto che come tintura per la lana è instabile al massimo, se non mordenzato.
      Buona settimana anche a te!

      Elimina
  3. sei strepitosa, come al solito. solo a te vengono queste idee ahahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no, il mondo è pieno di matte come me ;-)

      Elimina
    2. :)
      Proprio quello che penso anche io quando mi metto a fare delle cose che mi paiono strane e poi scopro che altre mille e mille matte ci han provato prima di me!
      E comunque Chiara anche queste sono bellissime!!

      Elimina
  4. che belli questi colori! mi piacciono tutti ! e non vedo l'ora di vedere le cose che realizzerai durante l'inverno !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hm, adesso vorrei provare ancora uva e fitolacca, ma senza approfondire, e poi dedicarmi alla maglia.
      Per adesso ho le idee chiare: copertina per la mia amica Nico, sciarpina per Amelia con la lana che piace a te, sciarpone di alpaca naturale per Luca.
      Poi vi chiederò consiglio :-)

      Elimina
    2. se chiedi a me stai fresca...nonostante abbia seguito le istruzioni alla lettera c'ho un buco sotto a 'sta manica che sto facendo...mamma mia...di farlo e disfarlo mi son stufata, mi sa che lo tengo così e alla fine lo rattoppo !
      e da qui puoi capire il bassissimo tenore dei miei eventuali consigli !!

      Elimina
    3. Eccerto, il buco sotto la manica è un classico. Nelle istruzioni del maglione di Ettore c'era scritto di tirar su qualche punto in più tra una maglia e l'altra e, se necessario, calare i punti aggiunti al primo giro utile. E in effetti così ha funzionato.

      Elimina
    4. eh... ma anche io ho tirato su questi punti, epperò dietro è venuto benissimo...davanti, dove si vede bene, c'è una presa d'aria notevole ! sob ! ma io ormai vado avanti, dritta alla meta !

      Elimina
    5. Massì, tanto indossato non si vede. E anche se si vedesse è un effetto voluto ;-)

      Elimina
  5. bello bello bello!!!!
    e quei tagete che si vedono nell'ultima foto??
    con una bella matassa di lana in un pentolone, vero?
    quest'anno ho praticato proprio poco la tintura (ho tinteggiato casa, ma non con colori di bacche e fiori!) e vedere le tue foto fa proprio ritornare la voglia!!!
    buon divertimento

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per i tagete aspetto che appassiscano, pare che diano un colore più sul verde e io sto proprio perseguendo il verde perfetto.
      Per la tinteggiatura della casa, hai tutta la mia solidarietà: è una menata atroce, con strascichi eterni.
      Un abbraccio!

      Elimina