lunedì 21 luglio 2014

Qui e ora



È un periodo ansiogeno.
Più di ansie belle che di quelle brutte, anche se a volte le cose belle generano spese inaspettate, e le spese generano ansia.
Tra una settimana, partiremo per la nostra avventura in Grecia. Siamo preparati? Ma manco per niente.
Tra meno di un mese, appena tornati dalla Grecia, prenderemo il nostro primo cane. Daisy, felice incrocio di pastori (maremmano e tedesco), stazza adulta stimata 50 kg. Ci stiamo preparando, ma un cane è come un figlio: non sei mai abbastanza preparato (ma già avere il recinto pronto sarebbe un buon inizio, speriamo di fare in tempo).



Tra meno di due mesi, Ettore comincerà la prima elementare. Lasciando una scuola dell'infanzia le cui maestre meriterebbero di essere pagate quanto professori ordinari. Non abbiamo ancora comprato l'orribile casacca né i libri né i quaderni. In compenso, mia madre gli ha già fatto scegliere il diario, da cui non si separa da 2 settimane.


A volte proiettarsi nel futuro è l'unica cosa che rende sopportabile il presente. Ma non è questo il caso: il mio presente è felice, a parte la fastidiosa incombenza di recarmi in ufficio tutti i giorni, e vorrei riuscire a vivere il momento.
Difficile, con tutte queste cose belle che ci aspettano. Che ansia.

6 commenti:

  1. ...il cane!!!! awwwwww....!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero che è un amore? Un enorme batuffolo di 10 chili!

      Elimina
  2. Non so cosa è piu soffice tra la maglia e il cucciolo...
    Per le vacanze non si è mai preparati ed è mooooolto meglio così ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti domani partiamo e lo faremo proprio allo sbaraglio ;-)

      (Lanterna dal pc del marito, il mio HP si è frizzato)

      Elimina
  3. Dragonero, awww <3 (ho per Riccardo Crosa, che è entrato nella squadra di Dragonero da febbraio, un affetto profondissimo :) )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che ormai ho abbandonato Dampyr e Dragonero è l'unico Bonelli mensile che leggo ancora?

      Elimina