lunedì 13 maggio 2013

Musa's Box ittica


Settimana di delirio sul lavoro e di grandi decisioni per la casa (ebbene sì, i lavori stanno cominciando). E piena di cose belle:
- Amelia che impara ad andare in bicicletta
- ritrovarsi tutte e 3 a stendere i panni di prima mattina


- fare shopping informatico (un hard disk esterno e una chiavetta)
- il colorificio, con le sue infinite attrazioni
- fare shopping con Ettore (sandali per lui, tazze per me)


- comprare delle bellissime tazze da tè per la casa nuova
- chiacchierare con la vicina, provata per la persecuzione della vecchia
- il pranzo con un'amica, sebbene di corsa
- raccogliere papaveri e camomilla


- trovare una sistemazione soddisfacente per termosifoni, attacchi del gas e prese elettriche
- trovare un piccolo tritone vicino allo stagno delle rane, che meraviglia!
- le prove di tintura col papavero, di cui parlerò più diffusamente


- la pizza asparagi e mondina (formaggio fatto da Luca, a immagine del brie)
- fare colazione con la focaccia genovese
- un giro in Canneto
- Slow Fish, tutto diverso ma sempre interessante


- il mercato ittico con guardaroba del pesce: 4 sugarelli, 3 pagelli e un codarossa
- Luca che scampa un calcinaccio per un soffio (poteva rimanere offeso!)
- i bambini che giocano al Porto Antico
- il barbiere tedesco nei vicoli


- la tartare di orata della Cooperativa Aqua di Lavagna
- arrivare a casa appena in tempo per evitare un acquazzone di tutto rispetto
- fare la spesa di frutta e verdura in via del Campo
- Luca, sempre e comunque


- trovare un intero banco dedicato alla liquirizia
- il sidro brut messo in fresco
- le infinite coccole con le gatte
- fare gomitoli al sole
- decidere la collocazione dei mobili nella casa nuova
Dopo un finesettimana così, è davvero difficile staccarsi da casa e tornare in ufficio, soprattutto quando la prima telefonata del giorno è quella di un docente che pretende di fregarsene delle regole e si incazza non con chi ha fissato tali regole (peraltro sensatissime) ma con te che le fai rispettare.
Immaginatemi con una faccia così:


12 commenti:

  1. ecco, a noi succede la stessa cosa...facciamo veramente fatica a staccarci da casa e a rientrare nei ritmi settimanali.
    veramente tanta fatica!
    ( che bellissime foto hai messo in questo post !)
    buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!

      Oggi poi è uno di quei giorni in cui il mondo decide che ti deve rompere le palle con le richieste più astruse.
      Ufffff!

      Elimina
  2. Posso prendermi licenza poetica e immaginarti anche con una chioma di serpi? (Altrettanto infuriate, stile receptionist di Monsters&Co.?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sissì, come la serpe del mio orto :-)

      Elimina
  3. Uuuh, bellobellobello il tritone! Sono anni che non ne vedo. Buona nuova settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me era il primo che abbia mai visto. Poveretto, era così spaventato!

      Elimina
  4. Ma quei due ragazzi non sono i bambini che ho conosciuto :-)

    RispondiElimina
  5. Un elenco di cose belle molte della quali in una città meravigliosa...

    RispondiElimina
  6. Uh, anche Amelia ha perso i denti.
    Alla Minica stanno crescendo. Ovviamente storti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ad Amelia boh, non si capisce ancora.
      Nel dubbio, mi arruffiano i dentisti :-)

      Elimina