lunedì 20 maggio 2013

Musa's Box torinese

Ammettiamolo, non è stata la settimana più brillante del mese: ciclo, mal di testa, tosse e, ciliegina sulla torta, sono afona come un pesce. Ho fatto poche foto, la luce faceva perlopiù schifo.
Insomma, cara grazia che c'è la lista:
- Luca che mi chiama per mostrarmi i pipistrelli che svolazzano sopra casa nostra
- la mia vicina che dice con trasporto: "Ma Amelia è bellissima!"
- pranzare con gli amici genovesi in visita a Pavia
- proseguire con le prove di tintura al papavero
- la Quarta che mi si incolla a suon di fusa
- scoprire che gli idraulici hanno già scaricato i termosifoni a casa nostra (che poi non si montino da soli è un'altra storia)
- liberarsi di quasi tutto il ciarpame del polacco, addio banco frigo inutilizzabile!
- sfruttare i momenti di insonnia da mal di testa + raffreddore per collocare mentalmente i nostri mobili nella casa nuova, e scoprire che il nostro tavolo in cucina ci sta. Poi parlarne con Luca e scoprire che anche lui ci pensa nei momenti morti
- parlare del mio progetto di acquario marino mediterraneo con polpo e trovare qualcuno che mi dà retta anziché guardarmi come una mentecatta
- fare gomitoli seduta sulla sdraio nella luce del tramonto
- prenotare l'amico imbianchino
- ascoltare Luca che rilegge il Ramayana ai bambini (la prima volta era a Pasqua, a Bobbio)
- comprare due abiti di cotone a 30 euro totali
- attaccare i bottoni al maglione di Ettore e fotografarlo, fregandosene della vecchia che guarda
- i miei bambini che si divertono con le bolle di sapone e i fischietti ad acqua
- fare colazione in un vecchio caffè torinese
- un fruttuoso giro al Balon
- trovare un braciere arabo come lo volevamo e un mobile perfetto per la casa nuova, il tutto a meno di 100 euro
- i mercatini dell'usato di Torino, miniera di ogni meraviglia
- scoprire che il mobile di Andezeno che vogliamo usare è messo molto meglio di come lo ricordavamo, anzi, non vedo l'ora di riverniciarlo e rimettergli le maniglie
- trovare in un baule cose bellissime e curiose
- l'agrigelateria di Poirino
- tricottare al sole, e fare un passo in avanti con il pattern
- una lunga telefonata con un'amica, per quanto io fossi senza voce
- perdere la voce: il mondo ti lascia molto più in pace (a parte rari mentecatti)

6 commenti:

  1. Figo l'acquario con il polpo!!!! :-)
    Ti supporto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sei la seconda!
      (Mio marito non conta)

      Elimina
  2. L'agrigelateria di Poirino è un must anche per noi!!
    un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mio suocero ha una casa ad Andezeno, poco distante da lì, quindi capita spesso di andarci. Soprattutto quando vendono le loro fragole, ma quanto sono buone???

      Elimina
  3. sarebbe fantastico avere dei momenti di insonnia da sfruttare !
    io non so com'è ma ultimamente dormo anche in piedi !

    buon fine settimana !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No beh, non te lo auguro! La mia era insonnia di quando non riesci a respirare dal naso e allora ti rigiri ma se ti addormenti e ti accorgi di respirare dalla bocca ti svegli... insomma, un casino.
      Ultimamente comunque anch'io ho sempre sonno. Secondo me è lo sfasamento tra la luce e la temperatura, per cui il nostro corpo è confuso.

      Elimina