mercoledì 9 aprile 2014

La matriarca


Quando ho scritto il post precedente, forse un po' me lo sentivo. O forse no, perché è normale che i gatti non si ripresentino subito all'appello quando torniamo, soprattutto se c'è stato bel tempo.
E invece il ritardo della Bianca non era normale: lunedì pomeriggio l'abbiamo trovata in pessime condizioni e questa mattina è morta, nonostante tutte le cure delle mie meravigliose veterinarie.
L'unica consolazione è che sia morta tra le mie braccia, e che Luca e i bambini l'abbiano salutata e accarezzata per un'ultima volta.
Lei è stata la mia matriarca, colei che ha aperto le porte a tutti gli altri: l'orribile Orsino, Bigia la scervellata e gli attuali inquilini di casa mia.
È sempre stata quella dolce e calma, quella a cui si poteva fare di tutto. I bambini non hanno mai giocato con lei, la consideravano una specie di mamma gentile e soffice. Io le ho aperto le porte di casa, ma il suo vero amore era Luca: si appartenevano, spesso lui se la ritrovava in braccio senza neanche sapere come.
Perdeva un mare di pelo cotonoso e faceva sempre le fusa. Se le passavi vicino, eri quasi certo che si sarebbe strusciata su di te, a costo di perdere l'equilibrio e cadere. Non miagolava: emetteva una serie di squittii e cigolii. Quando andavamo a fare le nostre passeggiate nel bosco, ci seguiva protestando a gran voce. Non era una gran cacciatrice, aveva il sedere troppo pesante.
Il trasloco a casa del polacco l'aveva un po' destabilizzata, ma tutto è andato a posto quando abbiamo acceso la stufa: è stato subito amore folle e dissennato.
Ultimamente, siccome non usavamo più la stufa, si era fissata di dover dormire sul cuscino di Ettore.
Abbiamo passato insieme quasi 10 anni: era arrivata a casa nostra il giorno di Natale del 2004, insieme alla neve. Se ne va in un giorno di sole bellissimo come lei.



11 commenti:

  1. Oh, mi dispiace...
    Buon viaggio, Bianca!

    RispondiElimina
  2. Ciao, Bianca. Felice di averti conosciuto.

    RispondiElimina
  3. Bellissima morbidissima splendida Bianca... Buon viaggio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono Isabella... Non so da dove esca sto nickname!!

      Elimina
  4. :( Ciao Bianca ... è un dolore che capisco bene :(

    RispondiElimina
  5. Grazie a tutti!
    Ora Bianca riposa in un'aiuola di mughetti, tra due ortensie Annabelle che spero saranno contente della sua presenza. E speriamo che resti da sola per molto, moltissimo tempo.

    RispondiElimina
  6. Non ci credo. Leggo ora. Mi spiace per voi.
    Dev'essere un tempo brutto per i gatti. I miei sono morti entrambi nella notte tra l'8 e il 9 aprile.
    O meglio: la gatta è morta e il gatto è sparito.
    Lasciano un gran vuoto.

    RispondiElimina