mercoledì 27 giugno 2012

Sholeh Zard Contest #1

Nel pubblicare Sholeh Zard, mi si presentano due... non problemi, sarebbe una parola grossa: diciamo cose da risolvere prima di passare all'azione.
Ho deciso di superarne una chiedendo un parere a chi mi legge.
Essenzialmente, il punto è questo: per la prima volta in vita mia, desidero uno pseudonimo.
Non mi vergogno del mio nome, non ho problemi di riconoscibilità, non c'è niente che non vada nel chiamarsi come mi chiamo io. È che il mio nome e cognome non mi sembrano adatti ad essere associati a Sholeh Zard.
Il fatto è (anche) che in questa storia sono stata molto attenta a non puntare su una sola nazionalità. La città in cui Sholeh vive ha le caratteristiche di una metropoli del Vecchio Continente: nella mia testa, è un misto di Milano, Istanbul, Londra e Parigi. I personaggi hanno nomi di provenienza varia: Van Bratus, Ambros, Pete il Pitbull, Tony Sharmaine, Hans Prater, Asah... e la loro varietà aumenterà con l'avanzare della storia nei prossimi romanzi. Anche l'immaginario a cui faccio riferimento non è legato a una cultura precisa: i djinn convivono con nani, vampiri e naga, in un melting pot magico che rispecchia quello umano.
Insomma, che c'entrano i miei italianissimi nome e cognome con questo contesto? Non mi piacciono. E non so che cosa fare.
Da un lato gli pseudonimi mi sono sempre sembrati un po' patetici. Dall'altro presentarmi con il mio nome e cognome in questo caso mi pare inappropriato, un po' come andare vestita come Lucia Mondella a una festa a tema giapponese.
Quindi vi chiedo: mi aiutereste a trovare uno pseudonimo adatto?
In premio avrete la mia eterna gratitudine e/o una copia in anteprima di Sholeh Zard e/o una menzione nei ringraziamenti e/o una fornitura di formaggi, ma solo se abitate in un posto dove posso portarveli o se passate di qui a ritirare la vincita.

16 commenti:

  1. scontata e banale... ma non mi viene in mente nient'altro che Violet (in omaggio a chi? ^_^)Lighthouse (anche se il faro non è esattamente una "lanterna", mi piace il concetto della "casa di luce").... riflettevo solo adesso che non è scritto da nessuna parte che debba essere in inglese...uhm uhm allora Viola Casaluce mi piace....o in francese Violet Phare...
    se non ti piacciono non c'è bisogno che mi mandi formaggi scaduti, basta bannarmi eheheh ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu forse non sai che la Lanterna del mio pseudonimo è proprio un faro, quello di Genova: ero a Genova in stage, dovevo scegliermi un nick per il forum di HTML.it, mi son guardata intorno e la prima cosa che ho visto è stata quella :-)

      Elimina
  2. Intanto mi scuso per non essere ancora riuscita a leggere. Rimedierò quanto prima. Ti proporrei Jasna Patai. Jasna è più o meno chiara in sloveno. Patai è un omaggio a un grandissimo studioso del folklore, non sufficientemente apprezzato. E' un cognome ungherese ebraico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jasna mi piace. Sul cognome lavorerei ancora un po' :-)

      Elimina
  3. Claire Entrebelle ;)
    Ah, se vinco opto per i formaggi di Luca *_*
    Anna T

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, impegnati di più :-)
      Tanto i formaggi di Luca li puoi avere quando vuoi (basta chiedere e saranno consegnati)!

      Elimina
  4. Jasna mi piace (Tolstoj viveva in una tenuta chiamata jasnaja polijana, prato luminoso, o giu' di li'...). Perche' non attingere alla danza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì sì, la suggestione della danza è ottima: buttatevi! :-)

      Elimina
  5. Non so se sono del tutto d'accordo con la scelta di uno pseudonimo, in fondo se si tratta di scenari magici e immaginari non appartengono a nessuna nazionalità in particolare, quindi secondo me un nome italiano non è né più né meno fuori luogo di altri.
    Capisco però che a "orecchio" suoni meglio un nome straniero più evocativo...
    E' da ieri sera che penso a cosa suggerirti, ma non ho ancora trovato niente che mi soddisfi. Intanto ti lascio la mia idea semiseria: Tarah/Tahara Belle, ovviamente derivante dal cognome :)
    Okay, mi impegno di più!

    PS tra l'altro ho finito di leggere Sholeh Zard, ma non ho ancora trovato il tempo per scriverti un commento!

    RispondiElimina
  6. Tahara Claire suona bene :-) oppure, se vuoi darti un tono Tahara J. (Jasna) Claire

    RispondiElimina
  7. Direi che Jasna è perfetto. Ora serve un cognome (o un nome nel caso decidessi di usare Jasna come cognome...).
    L'unica cosa che riesco a pensare con la danza è Floreo XD io e i termini mica siamo amiconi... se no "Lemaniiiii!!!" ma questo è più un tuo grido di battaglia U_U

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahaha "lemaniii" XD
      Anna T

      Elimina
    2. Jasna Lemani non suona male :-)

      Elimina
    3. Ulteriore variante Jasna Temani. Temani è il nome di un passo di danza (e richiama "lemaniii").

      Elimina
  8. non rinunceri al nome Chiara: suona perfetto per una scrittrice - tralaltro, nei paesi anglosassoni al momento è il nonplusultra del cool, per ragioni non del tutto chiare, ma metti che il tuo libro venga tradotto, potrebbe tornare utile...

    il cognome lo cambiarei pescandolo della letteratura, magari da un personaggio secondario che ti abbia colpito

    ma soprattutto, in bocca al lupo per questo tuo progetto! il lo leggeri volentiaeri anche firmato con il tuo vero nome :)

    RispondiElimina